sail yacht Micamale charter

Martinique e St.Lucie

             

In questo itinerario vi proponiamo la visita delle due belle isole di Martinica e St. Lucia, tra veleggiate, spiagge, snorkeling e vita locale.

Info-voli: dall'Italia si raggiungerà Parigi o Nizza con Air France, Easy Jet o Ryan Air, poi con Air Caraibes, Air France o Corsair Fly troverete voli diretti tutti i giorni per la Martinica.

Imbarco e sbarco: nella marina di Le Marin in Martinica, da dove partiremo per la visita delle baie sottovento dell'isola.

Lasciata la baia di Le Marin navigheremo verso nord attrversando il suggestivo passaggio tra la costa e Le Diamant, un imponente cono di roccia che sprofonda nell'acqua blu, per raggiungere la prima baia.
- Petit Anse d'Arlet, la baia, spesso visitata dalle tartarughe marine, offre un bello snorkeling. Sulla spiaggia si affaccia un piccolo paese caratteristico di queste zone con le case colorate e la chiesa dal campanile aguzzo racchiuso in uno scenario di vegetazione tropicale.
- Anse Mitan, con la sua acqua cristallina e la spiaggia bianchissima è il posto da dove partire, alla ricerca di un po' di storia, per la visita di Trois Ilet e della casa-museo di Giuseppina di Beauharnais, moglie di Napoleone e imperatrice di Francia. La casa e' situata all'interno di una piantaggione.
- Baie des Flamands, dominata dal Forte Saint-Louis e'la baia su cui si affaccia la cittadina di Fort de France, la capitale.
Con il gommone sbarcheremo direttamente alla Grand Savanne, un grande parco ombreggiato da numerosi esemplari di alberi tropicali. 
Nel panorama del centro storico spicca l’alto campanile della Cattedrale di Saint-Louis, che è interessante visitare all’interno per ammirare le vetrate che narrano episodi della vita di San Luigi. 
Un altro bell’edificio è la Biblioteca Schoelcher, dalla struttura in ferro. Venne costruita a Parigi e poi smontata per essere rimontata nella città d’oltremare. Il centro e' un dedalo di stradine piene di negozi diversi, dai piccoli bazar locali fino alle Galleries Lafayette. Bello e interessante anche il giardino botanico.
-St. Pierre, all'esteremo nord dell'isola, antica capitale, interamente ricoperta di lava dall'eruzione del vulcano Mont Pelè nel 1902. 
- Grand Anse d'Arlet, una bella e rilassante baia contornata da una piccola spiaggia a mezza luna e da alte colline rigogliose di vegetazione. 
Sulla spiaggia ci sono due o tre piccoli bar e ristorantini locali dove bere un "ti punch", aperitivo a base di rum, guardando il tramonto e mangiare i balaù, pesce azzurro pescato nella baia il giorno stesso.

Da Grand Anse d'Arlet navigando verso sud attraverseremo il canale della Martinica lungo una ventina di miglia e raggiungeremo l'isola di St. Lucia: si cambia isola, Stato, lingua ed abitudini.
- Rodney Bay, una ampia baia all'estremo nord, dominata dal Forte Luis situato sul promontorio di Pigeon Island ora parco naturale.
- The Pitons, uno dei piu' suggestivi ormeggi delle Picole Antille, situato tra i due coni vulcanici, Petit Pitons e Gros Piton alti rispettivamente 750m. e 790m., diventati il simbolo di St. Lucia ed eletti dall'UNESCO patrimonio dell'umanità. Ottimo snorkeling. 
- Marigot Bay, una laguna contornata dalla vegetazione tropicale, anche se oggi un po' costruita, chiusa da una lingua di sabbia e palme dove l'ammiraglio Rodney riuscì a nascondere una intera flotta di navi durante le guerre spietate contro i francesi.
Riattraversando il canale di St. Lucia torneremo in Martinica con sosta nella riposante baia di St. Anne, una bella spiaggia ed un piccolo paesino colorato, per poi tornare a Le Marin.

  

l programma potrebbe subire delle piccole modifiche in caso di situazioni metereologiche avverse.

TORNA